Ci ha lasciato il Col. Imbrighi

È improvvisamente venuto a mancare il nostro amico Colonnello Commissario CRI Pierluigi Imbrighi; la morte lo ha rapito all’affetto dei suoi amici e di tutta la Croce Rossa Italiana, che ha servito con piena dedizione e con instancabile spirito di servizio.
Il Corpo Militare e la Croce Rossa Italiana perdono uno dei suoi testimoni più valorosi, per la sua esemplare fedeltà all’istituzione che ci accomuna.

ll Colonnello IMBRIGHI, membro della Commissione Benemerenze della Croce Rossa Italiana è stato insignito di numerose Onorificenze della Repubblica Italiana e della Città del Vaticano, nonché della Medaglia d’Oro al Merito della CRI.

Pierluigi era un uomo gentile, corretto, preparato, generoso, un militare dotato di uno spiccato senso dell’onore.

La sua vicinanza ai vertici della Chiesa cattolica, della CRI e delle istituzioni lo ha portato a gestire con sapienza i rapporti interpersonali ed era sempre pronto a dare un consiglio ed a risolvere ogni problema.
È stato da subito un sostenitore della nostra Associazione A.N.M.C.R.I. ed è stato sempre al nostro fianco per iniziative e cerimonie di cui aveva una grande esperienza.

La sua incrollabile fede religiosa lo accompagni verso il Signore ed illumini noi nel conforto e nel ricordo di un amico che ci mancherà e che sicuramente ci guiderà dall’alto dei cieli.

Il Presidente
Giuseppe Scrofani

* * *

I Funerali del Colonnello Pierluigi IMBRIGHI si svolgeranno a Roma mercoledì 26 alle ore 10,00 presso la Chiesa Santa Lucia, Via di Santa Lucia 5, vicino Piazzale Clodio.

Giorno del Ricordo: il supporto della Croce Rossa agli esuli giuliano-dalmati

Edda Cattich

Il 10 febbraio si celebra il Giorno del Ricordo per raccontare l’orrore delle foibe e il conseguente esodo di 350.000 italiani da Istria, Fiume e Dalmazia: nostri connazionali cacciati dalle proprie case e dalla loro terra divenuta, nel frattempo, Jugoslavia. Non ho usato il termine raccontare a caso, perché per oltre cinquant’anni sulla tragedia degli italiani del Confine Orientale è calato il cosiddetto “lungo silenzio” e perché la Croce Rossa può ancora oggi contribuire a ricucire questo tessuto strappato.

La Croce Rossa e le foibe

Un importante peso, infatti, hanno avuto i report stilati dalla Croce Rossa e dalla Guardia di Finanza: tra i pochissimi documenti non distrutti attraverso i quali è stato possibile ricostruire i fatti e, talvolta, ritrovare alcuni nomi di persone ‘scomparse’. Ma la Croce Rossa è legata al dramma sotto vari aspetti: personale della CRI fu arrestato, a Trieste e Pola, tra il maggio e il giugno del 1945. Di loro non si è più saputo nulla.

Ancora, il Comitato Internazionale di Croce Rossa (CICR) fece opera di mediazione per la liberazione dei prigionieri italiani nei campi di concentramento titini. Sappiamo che la Croce Rossa era a Bologna nel 1947, nei giorni dei fatti del “Treno della Vergogna”, assieme alla Pontificia Opera di Assistenza, per aiutare i civili in fuga dalla Jugoslavia e stipati da giorni in vagoni, in condizioni disumane: erano pronti pasti caldi, latte e coperte, ma le ormai note vicende non hanno consentito ai nostri volontari, che tentarono senza successo di aiutare gli esuli stremati dal drammatico viaggio, di essere operativi.

La storia di Edda Cattich

Ennesimo tassello, altra “storia nella storia”, è quella di Edda Cattich, Medaglia d’Oro della Croce Rossa Italiana, grande esempio dello spirito del nostro Movimento. La donna forte e sorridente che ho impressa nella mente, ha vissuto un incubo inimmaginabile: è stata un’esule. Nata a Zara il 25 dicembre 1922, ha conosciuto sulla sua pelle la tragedia della guerra nel Confine Orientale d’Italia. “La vita rovesciata”, così definiva quello che era accaduto a lei e alla sua famiglia. Ritengo sia stato proprio questo orrore il “motore propulsore” della sua azione futura: Edda seppe trasformare, infatti, quel dolore in azione, la “vita rovesciata” in un cammino a “senso unico” al servizio degli altri, attraverso la Croce Rossa. Tanto che, negli anni ’90, portò aiuto ai profughi del conflitto dei Balcani, in particolare proprio a Zara. Il cerchio, così, si chiude nella maniera più luminosa possibile: attraverso la solidarietà e l’aiuto ai più vulnerabili che lei ben conosceva perché, a sua volta, lo era stata. Non poteva fare suoi i principi di Henry Dunant in maniera più concreta.

L’importanza del Ricordo

Le foibe e l’esodo sono una delle pagine strappate più dolorose della storia del XX secolo. Sono lieto di poter contribuire a riscriverle, anche attraverso i tasselli della nostra storia associativa. Perché è importante che le giovani generazioni sappiano, affinché certi orrori non si ripetano più.

Lo ha scritto il Presidente Francesco Rocca sul sito www.francescorocca.eu

Auguro a tutti i Soci dell’Associazione Nazionale Militari CRI in congedo – A.N.M.C.R.I. e a tutti gli appartenenti alla CRI, un Sereno Natale e un Felice Anno Nuovo

Auguro a tutti i Soci dell’Associazione Nazionale Militari CRI in congedo – A.N.M.C.R.I. e a tutti gli appartenenti alla CRI, un Sereno Natale e un Felice Anno Nuovo.

Speriamo che si raggiunga la pace dove sono in atto guerre cruente, nelle quali è dimenticato anche un minimo di umanità.

Ci auguriamo che nella nostra società l’intolleranza diventi pazienza, l’offesa rispetto, l’egoismo altruismo e l’avarizia generosità.

Siamo fiduciosi in un Corpo Militare Volontario e una Croce Rossa Italiana in continua crescita, dopo questa impegnativa fase di riorganizzazione.

I Volontari, le Infermiere e i Militari svolgono le loro attività sempre più legati dai principi, dagli ideali e dagli obiettivi che li accomunano.                                                                           Il Presidente                                                                                                                      Giuseppe Scrofani

 

 

 

 

La prigionia nella grande guerra. Dai documenti della Santa Sede, della Croce Rossa e delle organizzazioni umanitarie di Alberto Monticone

L’ufficio prigionieri della Santa Sede operò come centro di smistamento per le richieste di informazioni da tutte le nazioni in guerra e insieme con altre associazioni umanitarie internazionali compi opera di soccorso per i prigionieri. Dalle informazioni raccolte nei loro archivi in un decennio di ricerche l’autore – uno dei maggiori studiosi della Grande Guerra – presenta la realtà dei campi di prigionia in Germania, Austria-Ungheria e Russia e le vicende dei prigionieri di ogni nazione europea, che vi furono rinchiusi, toccando anche aspetti sinora poco conosciuti.

La prigionia Nella Grande Guerra

La prigionia nella grande guerra. Dai documenti della Santa Sede, della Croce Rossa e delle organizzazioni umanitarie di Alberto Monticone

«Italia Giovane», premiati alla Luiss 17 futuri leader dalle startup al fintech

Gli under 35 selezionati per le loro storie professionali di successo. Boccardelli, direttore Luiss Business School: «Valorizziamo giovani talenti, com’è nello spirito dell’ateneo». Il premier Conte: «Esperienze da condividere per stimolare la crescita sana e positiva delle nuove generazioni»

Tra i 17 premiati anche un nostro associato, Marco FARCI, S. Ten. com. CRI (cgd) del Corpo Militare Volontario CRI, che ha ricevuto un importante premio internazionale dedicato a giovani professionisti, imprenditori e scienziati che si sono distinti per le loro capacità e il loro impegno.

Il Presidente Nazionale Giuseppe SCROFANI, invitato alla cerimonia, si è congratulato con Marco che fa onore al Corpo Militare, alla CRI e alla nostra Associazione.

«Italia Giovane», premiati alla Luiss 17 futuri leader dalle startup al fintech

 

 

L’ANMCRI per il tramite di EUROCRAL, ha deciso di organizzare, una iniziativa sulla neve dedicata a migliorare la tecnica fra i pali e dare possibilità a tutti (anche ai principianti) di entrare e prendere familiarità con lo Sci

iniziative socialio

L’ANMCRI per il tramite di EUROCRAL, ha deciso di organizzare, una iniziativa sulla neve dedicata a migliorare la tecnica fra i pali e dare possibilità a tutti (anche ai principianti) di entrare e prendere familiarità con lo Sci

iniziative sociali

L’ANMCRI per il tramite di EUROCRAL, ha deciso di organizzare, una iniziativa sulla neve dedicata a migliorare la tecnica fra i pali e dare possibilità a tutti (anche ai principianti) di entrare e prendere familiarità con lo Sci

Scarica l’allegato e compila la scheda:

Comunicato Abetone-Dogana Nuova 2-9 febbraio 2020 ANMCRI

 

Consegnata al Gen. Lupini la Medaglia di Ambasciatore per la Pace, importante onorificenza della Repubblica di Corea

Una formazione di crociera della Marina Militare Coreana, in sosta a Civitavecchia, con una serata davvero speciale in onore del Corpo Militare CRI, ha voluto ricordare il contributo che il glorioso Ospedale n. 68 prestò durante i tragici eventi della guerra di Corea, assistendo circa 230mila persone, per lo più civili.

Il Magg. Gen. Gabriele Lupini, Ispettore Nazionale del Corpo, a cui sono stati riservati i massimi onori, è stato invitato a tenere un indirizzo di saluto, insieme all’Ammiraglio comandante della formazione, al Sindaco di Civitavecchia e all’Ambasciatore della Repubblica di Corea.

Presente, tra le autorità, un Contrammiraglio in rappresentanza dello Stato Maggiore della Difesa. Tra gli invitati, anche molti familiari dei militari CRI che presero parte alla missione. Durante la serata, dalle autorità civili e militari coreane, nonostante siano trascorsi 65 anni dal termine della missione, ancora grande apprezzamento e sincera riconoscenza per il lavoro svolto dal Corpo, testimoniati dal conferimento, all’Ispettore Nazionale, della Medaglia Ambasciatore per la Pace (Ambassador for Peace Medal), importante onorificenza della Repubblica di Corea.

È con vero piacere che mi trovo qui presente in occasione di questa importante visita di una formazione navale coreana per la crociera degli Accademisti. Il connubio esistente tra la Repubblica di Corea e la Croce Rossa Italiana è molto saldo e sentito”, afferma il Gen. Lupini durante la consegna dell’onorificenza.

Non posso non evidenziare, come in occasione di ogni visita nel nostro Paese da parte di autorità militari coreane, venga ricordata la partecipazione dell’Ospedale 68 del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana nella guerra di Corea, dal 1950 al 1953, inserito nel contingente delle Nazioni Unite. Mi ha fatto particolare piacere ricevere, nel novembre del 2017 presso la sede dell’Ispettorato del Corpo Militare, una delegazione di studenti coreani dell’ONG Pumassi, selezionati dal Ministero degli Affari per i Veterani della Guerra di Corea. Ho avuto modo di constatare personalmente l’atteggiamento del popolo coreano in occasione di una visita a Seul nel 2017 e sono rimasto molto colpito dalla affettuosa partecipazione alle cerimonie di Commemorazione dei Veterani, come anche per le strade della Capitale, da parte della popolazione. Grazie quindi, oltre che per l’invito odierno, per la costante dimostrazione di stima nei confronti del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana che mi onoro di guidare, memore del valore e dei sacrifici di chi mi ha preceduto.

Settimana della Protezione Civile: la Croce Rossa apre le porte alla popolazione

La “Settimana nazionale della Protezione Civile”, quest’anno in programma dal 13 al 19 ottobre (istituita con direttiva del Consiglio dei Ministri del 1° aprile 2019), consiste in sette giorni di iniziative, eventi di informazione e comunicazione, volte in particolare alla diffusione sul territorio nazionale della conoscenza e della cultura di protezione civile, allo scopo di promuovere tra i cittadini l’adozione di comportamenti consapevoli e di misure di autoprotezione, nonché favorire l’informazione alla popolazione sugli scenari di rischio, le buone pratiche da adottare e la conoscenza sulla moderna pianificazione di protezione civile.

Sabato 19 ottobre 2019, le porte della Caserma del Corpo Militare Volontario CRI “Luigi Pierantoni” sita in Roma Via Luigi Pierantoni, n. 5 saranno aperte a tutti i cittadini, per l’intera giornata, dove si svolgeranno una serie di attività, volte ad informare e sensibilizzare la popolazione sui comportamenti corretti da tenere in caso di calamità. Sarà presente una Postazione Medica Avanzata – PMA con autoambulanza e attrezzature utilizzate durante le emergenze dalla Croce Rossa Italiana e dalla Protezione Civile. Esperti di Protezione Civile, del Corpo Militare, con competenze sanitarie, tecnico logistiche, socio assistenziali e psicologiche, saranno a disposizione dei cittadini e potranno così far comprendere l’importante lavoro che svolge l’area emergenza della Croce Rossa.

SAPIENZA UNIVERSITA’ DI ROMA AZIENDA POLICLINICO UMBERTO 1^ MASTER IN OFTALMOLOGIA MEDICO LEGALE

SAPIENZA UNIVERSITA’ DI ROMA AZIENDA POLICLINICO UMBERTO 1^

 MASTER IN OFTALMOLOGIA MEDICO LEGALE

CONVEGNO SCIENTIFICO

ATTUALITA’ IN OFTALMOLOGIA MEDICO LEGALE

Roma, 05 Ottobre 2019

Aula Magna Presidio Ospedaliero George Eastman

Viale Regina Elena,287/b – Roma

 PRESIDENTE: Prof. Mauro SALDUCCI

Moderatori:  Gen. Isp. AM Domenico ABBENANTE, Gen. Isp. Capo (a) AM Gennaro CUCINIELLO, Prof. Mauro SALDUCCI

ATTUALITA’ IN OFTALMOLOGIA MEDICO LEGALE